Verso il cielo, poesie e preghiere di Maria Francesca Ragusa

Verso il Cielo, un libro  di poesie e preghiere di Maria Francesca Ragusa

 

La poesia chiede silenzio.

Essa va contemplata e lasciata risuonare nel profondo del cuore. Se la poesia è anche preghiera, essa diventa una scala verso il cielo,  ma anche uno sguardo d’amore che abbraccia la terra. La poesia coglie la bellezza nascosta in ogni frammento di tenerezza, in ogni sentimento, nell’umile vivere e sperare che i gesti esprimono. La poesia che è preghiera si fa voce ed espressione di un oltre celato nel presente e reso visibile dalla forza dell’amore.

 

leggi di più

E' Natale

"Mi prendo cura di te"

dice Dio alle sue creature.

"Sei prezioso ai miei occhi"

sussurra nei cuori.

Venne fra la sua gente...

Amore donato, amore inarrestabile, unico: nessuno ha un amore più grande. 

Viene nel mondo la luce vera:

luce che illumina e da' vita.

Il Verbo si fa carne...

viene ad abitare in mezzo a noi.

È natale

Il nostro cuore, la Sua casa.

Il Suo cuore, la nostra pace. la nostra eternità.

Maria Francesca Ragusa

 

 

 

Una vita di luce: biografia dell'apostolo della universale chiamata alla santità

Pochi sanno che proprio all’orientamento del Concilio sul tema della santità contribuì anche mons. Guglielmo Giaquinta. Se in modo determinante o meno, è difficile dire: certo, il tema della santità era il cuore del Movimento Pro Sanctitate, che già andava prendendo forma durante gli anni Quaranta, quando, giovane prete, era a Santa Maria dei Monti. 

Felice convergenza, dunque, tra il cammino di discernimento dell’intero episcopato, riunito in concilio in ascolto dello Spirito, e l’intuizione carismatica di un prete del clero romano che aveva fondato un’Opera per animare dal di dentro la vita del Popolo di Dio nella logica della universale vocazione alla santità. 

A ben vedere, si tratta di un segno dell’azione dello Spirito, il quale guida la Chiesa nella storia e la orienta nella medesima direzione, che si tratti di un atto di discernimento collegiale o di una semplice mozione interiore, capace di illuminare e motivare la vita e l’apostolato di un uomo di Dio e di quanti si andavano raccogliendo intorno a lui. «Questa è la volontà di Dio, la vostra santificazione» (1Ts 4,3), è la frase scelta da mons. Giaquinta per l’inizio del suo ministero sacerdotale, che animerà la sua opera di pastore, ma anche di fondatore


[dalla prefazione di don Dario Vitali]


Una biografia che "ci invita a ripercorrere i passi dell’uomo di Dio Guglielmo Giaquinta, che ha vissuto una buona parte del XX secolo mosso da un unico grande ideale, quello della santità, e proteso verso di esso quale faro luminoso per la sua esistenza e la sua donazione. Di qui il titolo evocativo Una vita di luce."

Maria Luisa Pugliese, Postulatrice

In cammino sulle 5 vie...

Vieni Spirito Santo,

vieni nei nostri cuori

e donaci  la capacità di uscire

da noi stessi

per andare incontro agli altri

con le loro gioie e fatiche.

Facci annunciare il Vangelo

con la gioia di chi

ha incontrato Cristo Gesù.

Insegnaci a non scappare

ma abitare

 i luoghi e le situazioni

in cui tu ci poni

come luce di speranza

e di conforto.

Educaci con i tuoi gesti e la tua Parola

per poter anche noi educare,

trarre il bene e il bello

dai fratelli tuoi amati.

Donaci di diventare

contemplatori di Gesù

 per lasciarci trasfigurare

e diventare familiari di Dio,

collaboratori della sua opera,

 innamorati della vita

e del Cielo,

della salvezza

e della resurrezione.

Maria Francesca Ragusa

TRASFIGURARE

TRASFIGURARE

desiderio del cuore

ricerca di luce

la terra non basta

cammino verso il cielo.

TRASFIGURARE

incontro dell' Amore con l' amato da sempre

immagine riflessa

consegna di senso, di stupore

la vita ha un'altra direzione. 

TRASFIGURARE

dal limite il dono

dalle ferite l'offerta

dal dolore la salvezza

dalla morte la vita.

TRASFIGURARE

Non facciamo "tre tende"

Usciamo

Annunciamo

Abitiamo

Educhiamo

un mondo 

che senza saperlo

attende la bellezza e lo splendore.


Maria Francesca Ragusa


EDUCARE

Educare

Camminare verso l'altro

unico, irripetibile

portatore di doni

da scoprire insieme

e gettare come stelle 

nella notte più scura.

Educare

Camminare accanto all'altro

tesoro prezioso

custodito

da esperienze e storia

amicizia e futuro

alba di speranza e di avventura. 

Educare

Camminare dentro l'altro

tra il già e il non ancora

di una creatura immersa 

nel ritmo del tempo

che scandisce 

gioie e ferite

amori e delusioni

verso un tramonto 

senza fine.

Educare

Camminare verso. ..

Camminare accanto...

Camminare dentro l'Infinito che abita in ogni uomo.

 

Maria Francesca Ragusa

 

ABITARE


ABITARE


Nel cuore di chi nel cuore non fa entrare nessuno. 

Nelle periferie di un' umanità dimenticata.

Nelle città rumorose...abbondanti di solitudine.

Abbattendo muri

Costruendo ponti.

Abitare

dove nessuno vuole stare.

Dove la povertà regala sorrisi e non solo cattivi odori.

Dove la tristezza ricorda il Calvario ma attende la gioia.

Dove la vita si colora di nero ma mendica risurrezione. 

Abitare 

amando

Pregando

Sperando

Lavorando

Abitare per imitare Colui che venne ad abitare in mezzo a noi.

 

Maria Francesca Ragusa

 


ANNUNCIARE


ANNUNCIARE


Parola accolta e amata

pulsione

che invade il cuore

di grazia

di senso di stupore

desiderio di urlare

che Gesù è risorto

e con Lui le nostre vite

guarite da errori 

per sempre perdonati.

Parola meditata e donata

con gesti che dicono

"Avrò cura di te"

e con mani 

impastate di umanità

colorare di speranza

il mondo vicino, prossimo a noi.


Maria Francesca Ragusa




USCIRE


Uscire

andare oltre

dilatare il cuore

aprire le mani a una carezza

a un sogno di fraternità. 



Uscire

andare oltre

incontrare sguardi

e cercare l'infinito

scoprire un' umanità ferita

in attesa di un abbraccio

di un'accoglienza che sa di eternità.

 

Maria Francesca Ragusa


L'unione dell'uomo con la donna è segno che parla di Dio con forza

Il matrimonio costituisce in se stesso un Vangelo, una Buona Notizia per il mondo di oggi, in particolare per il mondo scristianizzato. L’unione dell’uomo e della donna, il loro diventare «un’unica carne» nella carità, nell’amore fecondo e indissolubile, è segno che parla di Dio con forza, con una eloquenza che ai nostri giorni è diventata maggiore, perché purtroppo, per diverse cause, il matrimonio, proprio nelle regioni di antica evangelizzazione, sta attraversando una crisi profonda. E non è un caso. Il matrimonio è legato alla fede, non in senso generico. 

 

leggi di più

La Famiglia, una chiamata alla santità

 

 

La storia di  Enrico e di Chiara è la storia di un matrimonio, perché questa è stata la via per la quale il Signore ha realizzato la santità di Chiara, non ci poteva essere Chiara senza Enrico e non ci può essere Enrico senza Chiara.

                 

leggi di più

Per fare un re non basta che lui ne abbia voglia

Il matrimonio è più del vostro amore reciproco. Ha maggiore dignità e maggiore potere. Finché siete solo voi ad amarvi, il vostro sguardo si limita nel riquadro isolato della vostra coppia. Entrando nel matrimonio, siete invece un anello della catena di generazioni che Dio fa andare e venire e chiama al suo regno.

Nel vostro sentimento godete solo il cielo privato della vostra felicità. Nel matrimonio, invece, venite collocati attivamente nel mondo, e ne diventate responsabili. 

Il sentimento del vostro amore appartiene a voi soli. Il matrimonio, invece, è un'investitura, un ufficio.

Per fare un re non basta che lui ne abbia voglia, occorre che gli riconoscano l'incarico di regnare. Così non è la voglia di amarvi che vi stabilisce come strumento della vita. E' il Matrimonio che ve ne rende atti. Non è il vostro amore che sostiene il matrimonio: è il matrimonio che, d'ora in poi, porta sulle spalle il vostro amore.

 

leggi di più

L'amore redentivo di Cristo; Cristina Parasiliti Caprino

“La santità proviene dall’amore redentivo di Cristo, da quel suo desiderio di portare tutti al Padre. In tutta la sua vita Guglielmo Giaquinta ha avvertito l’urgenza di annunciare al mondo che l’amore di Dio sana e salva. Un amore totale, oblativo che guarisce le ferite dell’anima, ridona la gioia del vivere ed apre le porte all’unione eterna con Lui: non c’è un amore più grande di questo, «dare la vita per i propri amici» (Gv 15, 13)”. (dalla presentazione di F. Asti)

L’amore redentivo è il cuore della spiritualità del Servo di Dio Guglielmo Giaquinta (1914-1994) fondatore della famiglia Pro Sanctitate. Il testo ne esplora gli scritti per scoprire l’amore redentivo come la sottile trama che percorre la sua vita di “apostolo della santità”. Attraverso la sua esperienza spirituale, la sua testimonianza di vita, la sua opera di fondatore, egli consegna alla Chiesa del terzo millennio la certezza che Dio-Amore ama l’uomo infinitamente e gratuitamente, Gesù Cristo sulla croce lo ha reso visibile in tutta la sua grandezza, l’uomo è chiamato ad accogliere un così grande dono con il massimo del suo amore in una vita trasformata dalla presenza di Dio.


Cristina Parasiliti Caprino, laica consacrata dell’Istituto Secolare delle Oblate Apostoliche, opera attivamente nel Movimento Pro Sanctitate. Ha compiuto gli studi di teologia presso lo Studio Teologico San Paolo di Catania e il Pontificio Istituto di Spiritualità del Teresianum a Roma, dove ha conseguito il dottorato in teologia spirituale. Nei suoi studi ha approfondito la figura e la spiritualità del Servo di Dio Guglielmo Giaquinta. Collabora con la rivista “Aggancio” e si occupa di formazione nel Movimento Pro Sanctitate. Insegna religione cattolica presso un istituto di istruzione superiore in provincia di Brescia.


L’immagine di copertina:

Kelmily, 1971, particolare; terracotta policroma. L’opera, conservata presso la sede di Largo Arbe, 5 a Roma dell’Istituto Secolare delle Oblate Apostoliche, ha assunto un particolare significato in relazione alla figura e alla spiritualità del Servo di Dio Guglielmo Giaquinta, che l’ha intitolata “Il Cristo del sorriso”: come esprime nella omonima preghiera, il Cristo morente sorride perché la sua morte porta a compimento la redenzione, pienezza dell’amore di Dio.