"I Volti della città" a Palermo


Il “Centro di Documentazione Fotografica dei Cantieri Culturali della Zisa”, in Palermo, dall’11 al 19 marzo 2023, è stato vissuto da giovani e meno giovani che hanno visitato la mostra dal titolo “I volti della Città” e partecipato alle attività collaterali, a cura del Movimento Pro Sanctitate di Palermo. Per gli organizzatori  è stato  particolarmente significativo esporre negli spazi dei Cantieri Culturali la Mostra perché hanno voluto aprirsi alla Città  per parlare del bene che attraversa le nostre strade.

Negli incontri di queste giornate di esposizione, la Santità è stata declinata in tanti modi, attraverso la testimonianza di uomini e donne che nella nostra città operano per il bene di tutti, ma soprattutto dei più svantaggiati; la Prof.ssa Anna Staropoli  che ci ha parlato delle periferie del disagio dei giovani, della droga, Don Antonio Mancuso della bellezza della missione di essere sacerdote oggi, Sofia Muscato che attraverso la vita di Missionario dello zio Don Lorenzo Marzullo, ci ha parlato dell’Ecuador e della passione per l’uomo. Don Pino Vitrano  ci ha parlato dell’inizio della scelta di vita di Biagio Conte. Il Diacono-giornalista Pino Grasso ha coordinato il tutto.

Molto interessanti anche le interviste della giornalista Alessandra Turrisi a tre esponenti di altrettante Associazioni che operano a Palermo: Fabio Carraro Presidente Associazione CESAM che ha sottolineato l’importanza della formazione professionale per l’inserimento sociale dei giovani carcerati o comunque in situazioni di disagio sociale.

Massimo Messina Presidente  Associazione Parco del Sole che si occupa di bambini e ragazzi nel difficile quartiere dell’Albergheria e Patrizia D’Italia Presidente Associazione SPYA che ha raccontato l’impegno per sostenere il reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale Civico.

Un’attenzione particolare è stata rivolta ai giovani delle nostre scuole superiori che hanno visitato la Mostra e hanno avuto modo di conoscere modelli di vita “diversi” da quelli che purtroppo oggi hanno la meglio sui social. La parola santità è stata accostata alla scienza, alla cultura, alla giustizia, ai valori etici fondanti della società.

Il primo giorno attraverso la figura di Don Lorenzo Milani sono stati stimolati dal Prof. Carlo Messina a riflettere sull’importanza dell’educazione e della cultura. Lo stesso ha parlato della propria esperienza nel difficile quartiere di Danisinni.

E’ stata poi la volta del Prof.re Alfio Briguglia che ha intrattenuto i ragazzi sul tema “Scienza e Fede: un dialogo necessario” spiegando come la Scienza non può dare tutte le risposte alle domande sul senso della vita che l’uomo si pone , e che la Fede è un livello diverso e non si oppone alla Scienza.

La  Prof.ssa Lia Caldarella e  Pino Paliaga hanno parlato ad un uditorio attento e curioso di Don Pino Puglisi e del suo impegno per i giovani   “Se ognuno fa qualcosa”.

La Dott.ssa Giovanna Nozzetti, Magistrato del Tribunale di Palermo, a partire dalla vita di Rosario Livatino, ha parlato di  Giustizia e bene comune. Alunni del Liceo Scientifico Einstein e del Liceo classico Meli si sono interfacciati con il Magistrato affrontando tematiche svariate: la responsabilità sociale e civile, il rispetto dell’ambiente, delle cose, delle persone, la presa di coscienza del proprio ruolo nella società.

Una ventata di freschezza e la consapevolezza che le nuove generazioni, speranza del nostro futuro, hanno bisogno di stimoli positivi e sono capaci di porsi interrogativi profondi.

Il sogno di un mondo di santi e fratelli del nostro Fondatore può divenire realtà ?  Nella misura in cui ci impegniamo a realizzare quell’essere solidali che è la speranza per l’umanità che attraversa il terzo millennio.

Santina Mitra