In questa sezione trovi gli ultimi 5 articoli messi In Evidenza

L’AMORE E’ RIVOLUZIONE: TUTTI SANTI TUTTI FRATELLI - Convegno Nazionale del Movimento Pro Sanctitate

L’AMORE E’ RIVOLUZIONE:

TUTTI SANTI TUTTI FRATELLI

 

Convegno Nazionale del Movimento Pro Sanctitate

 

Dal 29 novembre al 01 dicembre 2019  si terrà presso la Fraterna Domus a Sacrofano (Roma) il Convegno Nazionale del Movimento Pro Sanctitate.

L’evento è dedicato alla realtà Pro Sanctitate e a tutti coloro che desiderano conoscere, approfondire, condividere il tema della chiamata alla santità.

L’amore è rivoluzione: tutti santi, tutti fratelli. Il tema dell’incontro chiama a riunirsi la componente italiana del Movimento Pro Sanctitate nell’anno in cui ricorre il 25° anniversario dalla nascita al Cielo del Fondatore, il Servo di Dio Guglielmo Giaquinta.  

La santità come risposta alle urgenze del mondo, la fraternità come strumento per costruire la pace: i lavori del Convegno approfondiranno la “rivoluzione” pacifica del Vangelo e di tutti coloro che si fanno compagni di viaggio di ogni uomo e ogni donna, testimoni della speranza che viene da Dio.

Tutti santi, tutti fratelli: parole che hanno cambiato la vita di quanti hanno abbracciato l’ideale della santità e della fraternità universali con scelte coraggiose, percorsi di assoluta generosità, esperienze comunitarie feconde e decisive.

Il Movimento Pro Sanctitate si raduna nel segno della festa, della gratitudine e dell’impegno.

 

Festa per la gioia di stare insieme, di condividere esperienze, di raccontarsi la vita.

Gratitudine per il dono di tanti fratelli, compagni di strada e di fede.

Impegno perché la rivoluzione dell’amore chiede menti aperte, cuori ardenti, mani generose.

 

La città, le case, le scuole, gli uffici, le strade attendono la “rivoluzione dell’amore”, fatta da uomini, donne, giovani e bambini che credono nel Vangelo. 

È IL BUON PROFUMO DI CRISTO

La fama di santità di Mons. Guglielmo Giaquinta nell’itinerario della Causa di Beatificazione e Canonizzazione

 

Che Mons. Guglielmo Giaquinta, l’«apostolo della santità», sia santo, noi che lo abbiamo conosciuto e seguito non abbiamo alcun dubbio: ne abbiamo la certezza, per quel “buon profumo di Cristo” che ha sempre sparso attorno a sé. Comprendiamo che tanti invece ancora non lo sanno. È auspicabile quindi che sia proclamato ufficialmente santo, proprio per quella sua sete di universalità che lo ha condotto per tutta la vita. “Abbiamo bisogno di santi”, ripeteva; la società, la Chiesa, i cristiani hanno bisogno di santi, quelli nascosti e quelli riconosciuti, quelli della porta accanto e quelli presenti in ogni continente della terra, perché siano additati come esempi credibili del messaggio del Vangelo e come via da seguire dagli uomini di buona volontà.

Un credente che ascolta la Parola di Dio, con l’intento di conoscerla e di metterla in pratica nella sua personale esistenza, sa bene che la vita cristiana è la vita santa che si snoda quotidianamente sulle orme di Cristo. E un membro della Famiglia Pro Sanctitate, che – alla scuola del Fondatore – della santità ha fatto professione di fede e si è reso disponibile quale apostolo di questa vocazione fondamentale di ogni uomo da parte di Dio, non può non portarne l’annuncio e la proposta a tutti coloro che gli sono vicini o che incontra lungo la sua strada. Tutti perciò, insieme, in cammino verso un’unica direzione, guardiamo come a una missione di alto profilo all’impegno profuso dalla Chiesa nel riconoscimento ufficiale della santità di tanti suoi figli.

 

leggi di più

Testimoni e profeti

"La vita del profeta, dunque, non è una vita facile, ma una vita essenzialmente, costituzionalmente difficile: per essere profeti bisogna avere il coraggio di pagare.

Ciascuno di noi, in quanto cristiano, ha una vocazione al profetismo; infatti siamo stati battezzati in Cristo e tutti siamo diventati suoi profeti.

Dobbiamo essere profeti di Cristo con la professione di fede, con una vita che testimoni ciò che crediamo, e infine con l’annuncio del messaggio cristiano".

Servo di Dio G. Giaquinta

Il bello della nostra vita!

I giovani Pro Sanctitate hanno vissuto insieme un'esperienza in Sicilia che li ha preparati alla Pasqua e ha permesso loro di vivere l'esperienza della comunione. Ascoltiamo le loro voci.

 

Domenica 31 Marzo noi giovani Pro Sanctitate ci siamo recati al santuario della Madonna della Sciara a MascaLucia che per molto tempo fu seppellito da un’eruzione dell’Etna ma, nonostante ciò, il simulacro dopo anni fu ritrovato intatto.

In questo luogo, immerso nella natura, abbiamo vissuto l’esperienza del “deserto” con momenti di riflessioni sul tema “hai mutato il mio lamento in danza”. Dopo il silenzio, abbiamo fatto la condivisione in gruppo per confrontarci sulle domande, difficoltà, dubbi nati dalla riflessione.

leggi di più

1+1 La santità è gioia

Se realmente crediamo in Cristo, se abbiamo trovato la nostra felicità in Lui dobbiamo emanare, ispirare gioia. Quante volte siamo tristi, abbattuti, pessimisti, non diamo serenità attorno a noi, non diamo gioia! Occorre avere la capacità di superare le piccole mille cose che a volte possono esserci nella vita di ciascuno per avere spazi più ampi, per dare quella gioia profonda che ci viene dal possesso di Cristo. Se tutti fossimo stati più seminatori di speranza e di gioia quante più persone ci sarebbero accostate a noi: avrebbero trovato ciò che esse cercano e cioè la felicità e la gioia.   (Servo di Dio G. Giaquinta)