La speranza di essere santi

Riportiamo nel seguito un frammento del discorso pronunciato questa mattina durante l'udienza generale. 

Fiducia, speranza, santità, mistica e fraternità...

In poche righe un accompagnamento paterno per il Movimento Pro Sanctiatate in cammino...

 

Così sono i santi: una moltitudine di testimoni.

I cristiani, nel combattimento contro il male, non disperano. Il cristianesimo coltiva una inguaribile fiducia: non crede che le forze negative e disgreganti possano prevalere.

 

leggi di più

Vi auguro di fare davvero una bella partita!

Foto: Ansa
Foto: Ansa

La finale di Coppa Italia è un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati del Calcio italiano.

Alla vigilia di questo evento, Papa Francesco ha incontrato le squadre finaliste, Juventus e Lazio.

Le sue parole ricordano i valori dello sport e il suo enorme potere educativo (o diseducativo) nei confronti della nuove generazioni. 

Questo incontro dimostra, ancora una volta, che non c'è ambito della vita e della socialità che non possa essere "colorato" dallo stile cristiano del vivere...

 

Cari amici,

sono lieto di incontrarmi con voi alla vigilia della partita finale di “Coppa Italia”. [...] mi congratulo con le due squadre, Juventus e Lazio, che, oltre a raggiungere ottimi risultati, sono molto amate dagli sportivi. Questo vi impegna ancora di più a testimoniare gli autentici valori dello sport. 

leggi di più

Occhi abbassati di vergogna, cuore pieno di speranza

 

Vergogna e Speranza sono le parole-simbolo dell'intervento del Santo Padre che ha concluso la tradizionale Via Crucis del Colosseo.

Il senso del peccato e la certezza che ogni rottura possa ricomporsi: questo il filo conduttore di questa preghiera che porta con se il mondo intero con i suoi drammi, le sue ferite, le corruzioni e le atrocità. 
Una preghiera densa di verità, e ricca di fiducia nell'Amore di Dio, ha aperto il tempo della redenzione.

 

O Cristo lasciato solo e tradito perfino dai tuoi e venduto a basso prezzo.

O Cristo giudicato dai peccatori, consegnato dai Capi.

O Cristo straziato nelle carni, incoronato di spine e vestito di porpora.

 

leggi di più

Carissimi auguri a Papa Francesco!

Era sera, quel martedì 13 marzo del 2013. 

Tutta il mondo era in attesa di conoscere il nome del Pastore che avrebbe percorso il solco scavato dall'umiltà e dalla determinazione di un uomo anziano, intelligente, ricco di fede e di amore di nome Joseph Aloisius Ratzinger.

Papa Benedetto aveva rinunciato richiamando tutto il popolo di Dio a vivere una orfanezza riflessiva, capace di interrogativi profondi, di onestà intellettuale, di coraggio di scelte audaci. Con il suo gesto aveva fatto tremare la terra.

I questo contesto, quella sera di quattro anni fa, tutto il mondo era incollato agli schermi della TV, ai monitor dei PC. Era la prima fumata bianca dell'era multimediale.

leggi di più

La Parola è dono, l'altro è dono.

Inizia oggi il tempo di quaresima. Le Parole del Papa ci incoraggiano a fare tesoro di questi quaranta giorni, e a viverli con verità, amore e coraggio di conversione. 
Alcuni stralci del suo Messaggio fanno compagnia alla nostra riflessione e ci aiutano a dare concretezza all'ideale della santità e della fraternità.

 

La Quaresima è un nuovo inizio, una strada che conduce verso una meta sicura: la Pasqua di Risurrezione, la vittoria di Cristo sulla morte. E sempre questo tempo ci rivolge un forte invito alla conversione: il cristiano è chiamato a tornare a Dio «con tutto il cuore», per non accontentarsi di una vita mediocre, ma crescere nell’amicizia con il Signore. Gesù è l’amico fedele che non ci abbandona mai, perché, anche quando pecchiamo, attende con pazienza il nostro ritorno a Lui e, con questa attesa, manifesta la sua volontà di perdono .

 

leggi di più

Che tutti siano uno!

Dal 18 al 25 gennaio viviamo insieme la settimana di preghiera per l'unità dei cristiani.

 

I membri del Movimento Pro Sanctitate si uniscono alla preghiera della Chiesa e chiedono con fede il dono dell'unità. Alla preghiera si accompagna l'impegno quotidiano di scelte e gesti concreti; esperienze di incontro, comunione e dialogo...

 

 

 

leggi di più

Scelte audaci e il coraggio di rischiare

Il prossimo Sinodo dei Vescovi sarà dedicato ai giovani. Nell'ottobre del 2018, vescovi provenienti da ogni parte del mondo si riuniranno e si confronteranno sul tema sul tema «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale». 

Dunque saranno loro, i giovani, a segnare la prossima tappa del camminare insieme, di tutta la Chiesa.

Il 13 gennaio scorso, in occasione della presentazione del documento preparatorio al Sinodo, Francesco ha indirizzato le sue parole direttamente a loro, ai giovani di tutto il pianeta.

Sono parole profonde e impegnative, che richiamano l'impegno di tutti: dei giovani certo, ma anche delle loro famiglie, degli insegnanti, degli educatori...urgono testimoni autentici, uomini e donne di fede che esprimano nei gesti e nelle scelte quotidiani, che un mondo nuovo è possibile davvero! 

Negli stralci che seguono, un invito per tutti noi.

leggi di più

Auguri di pace ai popoli e alle nazioni del mondo

Questo 2017 è stato tristemente inaugurato dalla notte di sangue vissuta nella città di Istambul il 31 dicembre. Un attentatore, probabilmente legato al terrorismo di matrice islamica, ha fatto irruzione in una discoteca e ha fatto fuoco provocando una carneficina che conta (ad oggi) 41 vittime.

Il Messaggio di Papa Francesco per la 50-esima Giornata Mondiale della Pace - 1 gennaio 2017 - ci aiuta a dare una risposta coraggiosa ed evangelica, all'odio, la terrore, alla paura. 

 

La nonviolenza: stile di una politica per la pace

 

leggi di più

Ma perché il mondo perseguita i cristiani?

Stefano è stato il primo martire. La sua amicizia con Gesù era così forte da renderlo disposto a offrire la sua vita per Lui. Stefano è stato il primo di tanti uomini e tante donne che lungo i secoli hanno espresso con estremo coraggio la loro fede. Oggi il tema del martirio sembra fuori moda, ma non è così. Ce lo ricorda Papa Francesco...

leggi di più

Natale è speranza affidabile, visibile, comprensibile

In questo anno che si chiude il mondo intero ha speramentato i deserti della tragedia, della paura, dell'orrore, della indifferenza, della guerra... Le parole di Papa Francesco, ci invitano a vivere un Natale colmo di speranza.

 

A pochi giorni dal Natale, vorrei riflettere sul momento in cui, per così dire, la speranza è entrata nel mondo, con l’incarnazione del Figlio di Dio.

Quando si parla di speranza, spesso ci si riferisce a ciò che non è in potere dell’uomo e che non è visibile. In effetti, ciò che speriamo va oltre le nostre forze e il nostro sguardo. Ma il Natale di Cristo, inaugurando la redenzione, ci parla di una speranza diversa, una speranza affidabile, visibile e comprensibile, perché fondata in Dio.

leggi di più

Il Dio vicino

Le parole di Papa Francesco ci accompagnano verso il Natale e ci parlano di un Dio vicino. Un Dio da accogliere in autenticità, a cui affidarci con fiducia e abbandono. Così la nostra vita si trasforma, così si modifica il corso della storia.

 

[...] La Vergine Maria e il suo sposo Giuseppe. Mistero di amore, mistero di vicinanza di Dio con l’umanità.

Maria è presentata alla luce della profezia [...] Il Figlio di Dio “viene” nel suo seno per diventare uomo e Lei lo accoglie.

 

leggi di più

Questo è il tempo della misericordia!

A chiusura dell'Anno Santo della Misericordia, il 20 novembre 2016, in una Piazza San Pietro gremita di Fedeli, Papa Francesco ha apposto la sua firma sulla lettera apostolica resa nota oggi a seguito della conferenza stampa tenuta in Vaticano.

La lettera era stata consegnata ieri, simbolicamente nella mani di un Cardinale, di un Vescovo, di due sacerdoti missionari della misericordia, di due suore, di un diacono permanente con i suoi cari, di una famiglia di genitori, nonni e figli, di una coppia di fidanzati, di due catechiste, di un disabile e di un malato. Tutti provenienti da diverse parti del mondo.

Si è chiuso l'anno giubilare, si è aperto il tempo della misericordia.

leggi di più

Si chiude la porta, rimane aperto il cuore

Papa Francesco oggi ha chiuso la Porta Santa di San Pietro e con essa si è chiuso l'Anno Giubilare della Misericordia.

Si apre ora per tutta la Chiesa, il capitolo della ordinarietà. Il tempo di vivere, restituire, condividere l'esperienza della Misericordia, ricevuta e sperimentata. 

La morte di Gesù, le sue braccia aperte sulla Croce, sono una immagine di plastica armonia con tutta la sua vita: la scelta di stare dalla parte degli ultimi, di camminare con i peccatori, di perdonare ogni peccato, di amare tutti, sino alla fine, sopra ogni cosa... le orme da solcare per seguire il Signore, l'invito del Papa a camminare su questa strada, insieme.

leggi di più

Una santità fatta di amore per Dio e per i fratelli

Le parole pronunciate da Papa Francesco, il 1 novembre 2016 nello Swedbank Stadion a Malmo, in occasione del suo Viaggio Apostolico in Svezia parlano di una santità possibile, concreta, attuale.

 

 Con tutta la Chiesa celebriamo oggi la solennità di Tutti i Santi. Ricordiamo così non solo quelli che sono stati proclamati santi nel corso della storia, ma anche tanti nostri fratelli che hanno vissuto la loro vita cristiana nella pienezza della fede e dell’amore attraverso una esistenza semplice e nascosta. Sicuramente, tra questi, ci sono molti dei nostri parenti, amici e conoscenti.

leggi di più

Una Chiesa missionaria

In occasione della Giornata Missionaria Mondiale riportiamo la testimonianza diretta di Padre Daniele Moschetti, che già lo scorso anno – durante un suo passaggio in Italia - ci ha offerto un sguardo "Dall’altra parte del Mondo".

Questa volta mi parla direttamente da Juba (Sud Sudan), in collegamento skype, in una tarda serata di ottobre, nel bel mezzo della stagione delle piogge, a circa 30 ° C.

Padre Daniele sta chiudendo il suo mandato di Superiore Provinciale dei Missionari Comboniani in Sud Sudan – lascerà il paese al termine del 2016 – e sta programmando, per il 2017, 850 km di pellegrinaggio a piedi verso Santiago di Compostela. Una camminata di preghiera, meditazione e silenzio per catturare energia nuova da impiegare nella nuova esperienza che lo attende dopo questo lungo periodo in Africa. 

 

leggi di più

Chiesa missionaria, testimone di misericordia

Le parole di Papa Francesco ci accompagnano a vivere con fede la 90-esima giornata missionaria mondiale che celebreremo il prossimo 23 ottobre.

 

Cari fratelli e sorelle,

il Giubileo Straordinario della Misericordia, che la Chiesa sta vivendo, offre una luce particolare anche alla Giornata Missionaria Mondiale del 2016: ci invita a guardare alla missione ad gentes come una grande, immensa opera di misericordia sia spirituale che materiale.

leggi di più

Oggi ogni terra è terra di missione

Le parole di Papa Francesco pronunciate lo scorso 7 ottobre nella Sala Clemenetina e rivolte ai Missionari Oblati di Maria Immacolata convenuti a Roma per il capitolo generale, richiamano ognuno di noi - mente, cuore e mani - ad un rinnovato impegno quotidiano nel vivere e condividere il Vangelo.

 

La Chiesa sta vivendo, insieme al mondo intero, un’epoca di grandi trasformazioni, nei campi più diversi. È importante lavorare per una Chiesa che sia per tutti, una Chiesa pronta ad accogliere e accompagnare! Il lavoro da compiere per realizzare tutto ciò è vasto.

Oggi, ogni terra è “terra di missione”, ogni dimensione dell’umano è terra di missione, che attende l’annuncio del Vangelo. Il campo della missione oggi sembra allargarsi ogni giorno, abbracciando sempre nuovi poveri, uomini e donne dal volto di Cristo che chiedono aiuto, consolazione, speranza, nelle situazioni più disperate della vita.

 

Papa Francesco - 7 ottobre 2016

Dentro la storia, incontro all'uomo

Ieri mattina, poco dopo le ore 9.00, Papa Francesco ha raggiunto, a sorpresa, la città di Amatrice per incontrare la popolazione colpita dal terremoto dello scorso 24 agosto. La visita ai terremotati è proseguita sino alle 15.30. Il papa ha incontrato anziani, famiglie, insegnati e bambini di Accumoli, Arquata e Pescara del Tronto. 

 

 

leggi di più

Alla sorgente della missione

Dal 15 al 18 settembre 2016 si è svolto a Genova il XXVI Congresso Eucaristico nazionale, che ha avuto come tema L’Eucaristia sorgente della missione: «Nella tua misericordia a tutti sei venuto incontro». Anche questa volta, come per Firenze, il Signore mi ha fatto il dono di partecipare come delegata diocesana di Albenga-Impeia per il Movimento Pro Sanctitate. Io sono arrivata a Genova venerdì pomeriggio e immediatamente, con gli amici delegati, ci siamo ritrovati a vivere il primo momento: nella celebrazione penitenziale, abbiamo potuto toccare con mano e cuore la misericordia di Dio che, nella Chiesa di Santa Zita, per mano di tanti sacerdoti, ha dispensato il perdono a tutti i fedeli presenti. È stato il grande abbraccio di Dio che accoglieva il popolo dei penitenti.

leggi di più

In preghiera per la pace

 

I membri del Movimento Pro Sanctitate rispondono all'invito di Papa Francesco.

«Martedì prossimo mi recherò ad Assisi per l’incontro di preghiera per la pace, a trent’anni da quello storico convocato da san Giovanni Paolo II. Invito le parrocchie, le associazioni ecclesiali e i singoli fedeli di tutto il mondo a vivere quel giorno come una Giornata di preghiera per la pace. 

leggi di più

Una porta sempre aperta

Le parole pronunciate da Papa Francesco durante l'angelus del 21 Agosto, a commento del Vangelo della Domenica, sono un rinnovato invito a cercare e gustare sempre l'esperienza della Misericordia

 

L’odierna pagina evangelica ci esorta a meditare sul tema della salvezza. L’evangelista Luca racconta che Gesù è in viaggio verso Gerusalemme e durante il percorso viene avvicinato da un tale che gli pone questa domanda: «Signore, sono pochi quelli che si salvano?» (Lc 13,23).

leggi di più

Vivere da protagonisti

Dopo la visita ad Auschwitz e Birkenau Papa Francesco arriva a Błonia per vivere la Via Crucis insieme ai giovani. È il dolore, la sofferenza nostra e degli altri che pone le domande più profonde, quelle esistenziali. Davanti allo spettacolo dei campi di sterminio, alla crudeltà cui anche oggi assistiamo, alla malattia, si rimane senza fiato in un silenzio assordante nel quale solo la Fede può prendere la parola.  

 

leggi di più

Le cose belle e le cose brutte della vita

Un'estate difficile, in cui incidenti ferroviari e attentati sembrano prendere il posto della leggerezza, del mare, delle vacanze e diventare la colonna sonora di un tempo rubato alla spensieratezza; un'estate che interroga anche i giovani riuniti a Cracovia per la Giornata Mondiale della Gioventù sul senso della vita, delle scelte, sul domani.

Papa Francesco, poco dopo il suo arrivo a Cracovia, si è collegato in diretta video dall’Arcivescovado di Krakó con i giovani italiani riuniti al Santuario San Giovanni Paolo II invitandoli ad affrontare la vita con coraggio e coerenza:

 

leggi di più

Sentinelle del mattino

Nel giorno della festa di Maria Maddalena, è stata presentata presso la Sala Stampa Vaticana la Costituzione Apostolica del Santo Padre Francesco sulla vita contemplativa femminile: Vultum Dei quaerere. A parlarne, l’Arcivescovo Segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica, Mons. José Rodríguez Carballo, OFM. 

leggi di più

Il desiderio dell'incontro

Pubblicato il Video messaggio di Papa Francesco rivolto ai giovani in partenza per Cracovia.

 

«Ho un grande desiderio di incontrarvi  per offrire al mondo un nuovo segno di armonia, un mosaico di volti diversi, di tante razze, lingue, popoli e culture, ma tutti uniti nel nome di Gesù, che è il Volto della Misericordia»

 

Guarda il video

Guardare con speranza il futuro

Le parole rivolte da papa Francesco ai membri del Pontificio Consiglio dei Laici, che nel processo di riforma della curia romana, cambierà fisionomia e struttura, interpellano tutto il laicato cattolico e richiamano ad apertura di cuore, fiducia nel futuro, impegno missionario.

 

È è tempo di guardare nuovamente con speranza al futuro. Molto resta ancora da fare allargando gli orizzonti e raccogliendo le nuove sfide che la realtà ci presenta.

leggi di più

"Comunione" è uno dei nomi della misericordia

Le parole che Papa Francesco ha rivolto ai Vescovi italiani riuniti a Roma, tratteggiano la figura del sacerdote e disegnano lo scenario di una Chiesa disposta ad abbracciare il Vangelo.

Alla gratitudine per queste riflessioni forti, vere e coraggiose, facciamo seguire la preghiera e poi l’impegno, di ogni credente e di ogni comunità. L’impegno di essere tutti disposti a prendere il largo liberando le funi che tengono il nostro battello immobile in un porto sicuro.

 

leggi di più

Gioia di appartenere alla Chiesa

Vivere la gioia di appartenere alla Chiesa e ringraziare il Signore per il dono della comunità ecclesiale: questa la mission affidata da Papa Francesco a tutti i battezzati nella 53° Giornata Mondiale di preghiera per le vocazioni.

Il Santo Padre si rivolge proprio a tutti, giovani e adulti, bambini e anziani, all'intera comunità ecclesiale alla quale assegna un compito importante: essere 'buona terra', luogo in cui la misericordia del Signore può posare lo sguardo e chiamare; essere 'mediatrice', antidoto all'indifferenza e

leggi di più

Dalla gioia del Vangelo alla gioia dell'Amore... in famiglia

Il Chirografo del Santo Padre Francesco ai vescovi
Il Chirografo del Santo Padre Francesco ai vescovi

Nella Sala Stampa vaticana gremita da giornalisti, telecamere e fotografi, è stata presentata oggi l’Esortazione apostolica post-sinodale Amoris laetitia, che conclude il percorso dei due Sinodi sulla famiglia del 2014 e del 2015. A parlarne - visibilmente contenti ed emozionati - il Cardinale Lorenzo Baldisseri, Segretario Generale del Sinodo dei Vescovi, il Cardinale Christoph Schönborn, Arcivescovo di Vienna e i coniugi Francesco e Giuseppina Miano, entrambi docenti universitari.

leggi di più

La Chiesa è femminile

 

«La Chiesa è femminile: è Chiesa, è sposa, è madre». Chi non ricorda le parole pronunciate da Papa Francesco all'inizio del suo pontificato nella conferenza stampa durante il volo di rientro a Roma, dalla GMG di Rio de Janeiro? «Una Chiesa senza le donne è come il Collegio Apostolico senza Maria. Il ruolo della donna nella Chiesa non è soltanto la maternità, la mamma di famiglia, ma è più forte: è proprio l’icona della Vergine, della Madonna; quella che aiuta a crescere la Chiesa! Ma pensate che la Madonna è più importante degli Apostoli! È più importante!».

leggi di più

24 ore per il Signore

I membri del Movimento Pro Sanctitate si uniscono con fede alle 24 ore per il Signore. 

 

I santi realizzano

la contemporaneità della preghiera:

occorre abituarsi a cogliere

le esigenze del tempo per pregare per esse,

per impetrare per i problemi di oggi,

per agire nella preghiera e in forza della preghiera.  

Guglielmo Giaquinta 

leggi di più

Dov'è tuo fratello?

 

Si è svolta Venerdì scorso a Roma, per le strade del centro, la “Via crucis” di solidarietà e di preghiera per le donne vittime della tratta. L’iniziativa è stata promossa dalla Comunità Papa Giovanni XXIII (fondata dal Servo di Dio Don Oreste Benzi) in collaborazione con la Pastorale Vocazionale della Diocesi di Roma e sostenuta da molti movimenti ecclesiali: un evento per dare voce a chi non ha voce.

leggi di più

La Curia Romana in Giubileo

 

Questa mattina, in occasione della festa liturgica della Cattedra di San Pietro, la curia romana ha celebrato il “suo” giubileo. Nell’omelia di Papa Francesco, di cui riportiamo alcuni stralci, tutti i fedeli ricevono un rinnovato invito a riscoprire il valore dell’essere Chiesa, collaboratori di Dio, fedeli alla missione secondo il suo Cuore.

 

 

leggi di più

Guardando il mondo con gli occhi della misericordia

 

Riportiamo il testo della lettera letta a Papa Francesco, a nome di tutti i consacrati e le consacrate, in occasione della Udienza tenuta il 1 febbraio 2016 a chiusura dell'anno ad essi dedicato.

In queste parole emerge forte il desiderio di una rinnovata alleanza, di una sempre più feconda fedeltà, e di una fiducia incondizionata.

leggi di più

Profezia, prossimità, speranza.

Riportiamo alcuni stralci significativi del discorso tenuto a braccio da Papa Francesco durante l'udienza a chiusura dell'anno dedicato alla Vita consacrata.

 

Profezia, Prossimità, Speranza: tre pilastri di futuro consegnati in un colloquio appassionato, paterno e sincero.

leggi di più

Il fiume della Misericordia

Entrare per quella Porta significa scoprire la profondità della misericordia del Padre che tutti accoglie e ad ognuno va incontro personalmente.

E’ Lui che ci cerca! E’ Lui che ci viene incontro!

Sarà un Anno in cui crescere nella convinzione della misericordia.  

Attraversare la Porta Santa, dunque, ci faccia sentire partecipi di questo mistero di amore, di tenerezza. Abbandoniamo ogni forma di paura e di timore, perché non si addice a chi è amato; viviamo, piuttosto, la gioia dell’incontro con la grazia che tutto trasforma. 

(Papa Francesco)

leggi di più

Sulla soglia dell'Anno Santo, sarà Giubileo!

Sulla soglia dell’anno santo si spalanca di fronte a noi la porta della misericordia.


Misericordia: è la parola che rivela il mistero della SS. Trinità. Misericordia: è l’atto ultimo e supremo con il quale Dio ci viene incontro. Misericordia: è la legge fondamentale che abita nel cuore di ogni persona quando guarda con occhi sinceri il fratello che incontra nel cammino della vita. Misericordia: è la via che unisce Dio e l’uomo, perché apre il cuore alla speranza di essere amati per sempre nonostante il limite del nostro peccato.  (*)

leggi di più

Il Papa in Africa: la misericordia che non aspetta

Giovani, lavoro, rispetto per l'ambiente: in pochi giorni il Papa, nel corso del suo viaggio in Africa, ha compendiato un programma di vita per guardare al futuro con una speranza nuova: «Proteggere i giovani, investire su di essi e offrire loro una mano è il modo migliore per poter assicurare un futuro degno della saggezza e dei valori spirituali cari ai loro anziani, valori che sono il cuore e l’anima di un popolo». Parole concrete, gesti concreti, come quello di portare i medicinali all'ospedale pediatrico

leggi di più

Di ritorno da Firenze: fedeltà alla storia e orizzonti nuovi

Giovedì scorso, mi trovavo in una sala di Palazzo Vecchio. Ero in attesa di una conferenza su Giorgio La Pira e ripensavo alla esperienza fatta durante la mattinata: avevamo avuto un incontro di matrice ecumenica, con rappresentanti della Chiesa valdese e degli ortodossi russi, il rabbino  della comunità  ebraica e l'Imam di Firenze. E' stato bello ascoltare le loro voci che chiedevano all’unisono di rafforzare il dialogo. 

Poi, ripercorrendo la vita di Giorgio La Pira e la sua meravigliosa esperienza, ho ritrovato i fili conduttori del Convegno di Firenze: uscire da se stessi per incontrare i poveri, i disoccupati, i senza tetto e portare loro non solo ciò di cui hanno un bisogno materiale, ma anche Gesù. 

Così ho sentito forte l'esigenza di ripetere la preghiera che ci ha insegnato il nostro Fondatore: ogni uomo è mio fratello.....la ripeto, in questi giorni, senza stancarmi mai.

leggi di più

Pontificio Consiglio per i Laici, c'è anche il Movimento Pro Sanctitate

Nicoletta Sechi e Giulia Sergiacomo partecipano per il Movimento Pro Sanctitate alla giornata di studio promossa dal Pontificio Consiglio per i Laici presso la Pontificia Università della Santa Croce "Vocazione e Missione dei Laici". Lavoro, ascolto e confronto sulla dimensione laicale dell' apostolato.

segui la pagina web

Il Movimento Pro Sanctitate a Firenze

Il conto alla rovescia sta per terminare. Lunedì 9 novembre apre i battenti il 5° convegno della Chiesa Italiana  che avrà luogo a Firenze. "In Gesù Cristo, il nuovo umanesimo": il tema guida di tutti i lavori.

Il Movimento Pro Sanctitate è presente attraverso una delegazione composta da Loretta Angelini, associata di Roma e membro del Comitato Preparatorio del  Convegno, e da Adria Coppola, Oblata Apostolica di Imperia.

Tutti i membri del Movimento Pro Sanctitate si uniscono in comunione di preghiera a questo evento e chiedono a Dio il dono del suo Spirito.

leggi di più

Verso Firenze, quinta tappa... TRASFIGURARE

a cura di Marialuisa Pugliese

 TRASFIGURARE

 

Siamo ormai alla soglia del Convegno Nazionale e – mentre completiamo l’itinerario di preparazione all’evento che ci siamo prefissi di compiere “connessi” su questa “piazza” comune – vogliamo esortarci a vicenda a rivisitare interiormente la nostra specifica appartenenza ecclesiale e la nostra particolare missione a favore della chiamata universale alla santità. 

leggi di più

Verso Firenze, quarta tappa... EDUCARE

a cura di Marialuisa Pugliese

EDUCARE

 

         La traccia offerta dalla Conferenza Episcopale Italiana per il cammino verso il Convegno di Firenze In Gesù Cristo il nuovo umanesimo, inserisce tra i cinque verbi-guida quello dell’ “educare”, quale dimensione-compito essenziale per un cristiano impegnato oggi. Un verbo sempre evocativo di una duplice valenza, come sono le due facce della stessa medaglia. 

leggi di più

Una santità per tutti

Lunedì mattina: una giornata apparentemente come le altre, gente in fila sotto il colonnato di S. Pietro, folla festosa che attende cantando l'udienza con Papa Francesco. Sono i cinquemila gitani venuti a Roma per il pellegrinaggio internazionale organizzato dal Pontificio Consiglio per i migranti e gli itineranti in occasione del cinquantesimo anniversario della visita di Paolo VI all’accampamento di Pomezia.

leggi di più

Verso Firenze, terza tappa... ABITARE

A cura di Marialuisa Pugliese

 

ABITARE

 

La voce del verbo “abitare” è davvero di uso comune: quotidianamente o quasi, più o meno consapevoli, torniamo a coniugarlo, quando ne abbiamo un’esperienza positiva e gratificante, o quando vediamo contrastata dolorosamente questa esigenza inalienabile della persona, o addirittura ne sentiamo negato il diritto connaturale di ogni uomo. Abitare una casa, abitare una città, abitare una patria … Abitare la propria libertà, il proprio credo, la propria vita!

leggi di più

Verso Firenze, seconda tappa...ANNUNCIARE

A cura di Marialuisa Pugliese

 

DITELO A TUTTI!

           

 

Nell’itinerario “verso Firenze”, per entrare nella dinamica del verbo annunciare, la prima cosa che a noi della Pro Sanctitate torna alla mente è l’invito carissimo che San Giovanni Paolo II ci fece all’inizio del suo pontificato: Ditelo a tutti! Una conferma autorevole del nostro carisma, una consegna di fedeltà alla missione di evangelizzare la santità.

leggi di più

Sinodo della famiglia: work in progress

Una Chiesa che è famiglia, in cui l'altro è sempre considerato un dono e mai un 'peso', che insegna e difende i valori fondamentali: questa la Chiesa secondo Francesco. Iniziano così i lavori del XIV Sinodo generale ordinario sulla famiglia, tra attese e speranze, desiderio di crescere e confrontarsi con le nuove 'sfide' della famiglia nella società contemporanea. 

leggi di più

Verso Firenze, prima tappa...USCIRE

a cura di Marialuisa Pugliese

 

Uscire … per trovare in Cristo il nuovo umanesimo!

Uscire … per compiere un nuovo esodo che, oggi più che mai, si pone a fondamento di un’autentica esperienza cristiana a servizio dell’uomo.

Uscire … per incontrare gli uomini e le donne della nostra storia, per porgere la mano ai fratelli che chiedono vicinanza.

leggi di più

Dentro il Sinodo sulle strade della quotidianità!

Ogni famiglia, è sempre una luce, per quanto fioca, nel buio del mondo. Queste parole che Papa Francesco ha pronunciato dal sagrato di Piazza San Pietro, fanno brillare di luce speciale le migliaia di lumi accesi sabato 3 ottobre, alla vigilia della apertura del Sinodo dei Vescovi.

Hanno pregato in tanti, tantissimi, nelle piazze, nella chiese, nelle case… hanno pregato i singoli, le comunità, ma soprattutto hanno pregato le famiglie, nella verità delle loro gioie e dei loro dolori, delle speranze e delle inquietudini, dei traguardi e delle fatiche.

leggi di più

Accendiamo una luce!

 

La famiglia è il simbolo vivo del progetto d’amore che un giorno il Padre ha sognato. Voler formare una famiglia è avere il coraggio di far parte del sogno di Dio, il coraggio di sognare con Lui, il coraggio di costruire con Lui, il coraggio di giocarci con Lui questa storia, di costruire un mondo dove nessuno si senta solo, dove nessuno si senta superfluo o senza un posto.

 

Queste parole che Papa Francesco ha rivolto da Philadelphia a tutte le famiglie del mondo, ci accompagnano in questo tempo ormai breve che ci separa dall’apertura del Sinodo.

leggi di più

Giovani consacrati: Dio ha amato tutti e per sempre

Scegliere la vera libertà che viene dallo Spirito e non dalla mondanità, coltivare grandi sogni per Dio, avere un cuore che arde d’amore, ha detto il Santo Padre ai giovani consacrati e consacrate presenti nell’Aula Paolo VI per l’Incontro mondiale che si sta svolgendo in questi giorni.  Si è poi rivolto ai consacrati provenienti dall’Iraq e dalla Siria, ricordando i numerosi martiri, che hanno testimoniato la fede fino al dono della vita. Ha poi voluto ringraziare tutte le donne consacrate per la loro testimonianza, donne che non si risparmiano, vere icone della Chiesa-sposa e della sua maternità.

Vittoria Terenzi

Leggi il testo del discorso



Svegliate il mondo

Sono più di 4000 i giovani consacrati arrivati a Roma in questi giorni, nell’Anno della Vita Consacrata, per l’Incontro Mondiale dei Giovani Consacrati e Consacrate, per rispondere all’invito di svegliare il mondo, per vivere le gioia di stare insieme per cinque lunghi giorni. Donne, uomini, volti-nomi-storie, mondi-famiglie-amici che portano dentro al cuore, dall’Uganda, dal Malawi o dalla vicina Europa. Hanno risposto ad una chiamata, un po’ insolita e spesso inaspettata, hanno lasciato tutto, carriera, fidanzato, casa, nell’attimo di un sì, lasciare tutto per avere Il Tutto. Perché nella vita se non si rischia tutto spesso ci si ritrova a non avere nulla. Rosalba, che ha rischiato tutto dopo la GMG del 2000 a Tor Vergata, Deborah, che nel 2000 aveva 12 anni ma ora decide di prendere in mano la sua vita, lo sguardo sicuro e fiero di chi segue una strada sconosciuta eppure nota, cercatori di Dio, con una mappa scritta nel cuore e la bussola della preghiera tra le mani.

leggi di più

GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO

La preghiera può contribuire a salvare il creato? Può aiutarci nel difficile compito di esserne custodi e non padroni? Potremo sperimentarlo il 1° settembre p.v., giornata nella quale Papa Francesco ha invitato tutti a unirsi alla preghiera per la cura del creato. «In comunione di preghiera con i nostri fratelli ortodossi e con tutte le persone di buona volontà - ha detto il Santo Padre - vogliamo offrire il nostro contributo al superamento della crisi ecologica che l’umanità sta vivendo. In tutto il mondo, le varie realtà ecclesiali locali hanno programmato opportune iniziative di preghiera e di riflessione, per rendere tale Giornata un momento forte anche in vista dell’assunzione di stili di vita coerenti».

leggi di più

Verso Firenze 2015; contributi CNAL

Sabato 16 maggio si è svolta a Roma l’Assemblea nazionale della Consulta Nazionale delle Aggregazioni Laicali. Hanno partecipato come rappresentanti del Movimento Pro Sanctitate Loretta Angelini e Mirella Scalia. Il cuore dei lavori dell’Assemblea è stato il prossimo Convegno ecclesiale nazionale che si svolgerà a Firenze nel novembre 2015. Ha condotto e aiutato alla riflessione padre Giulio Michelini, OFM, membro della Giunta del comitato nazionale. Padre Michelini ha ripreso l’icona biblica della giornata di Gesù a Cafarnao del Vangelo di Marco, scelta come emblematica del tema del Convegno: In Gesù Cristo il nuovo umanesimo, nella quale sono presenti i 5 verbi che tracciano le 5 vie di preparazione al Convegno stesso: uscire, abitare, annunciare, educare, trasfigurare.

leggi di più

Occorrono dei rivoluzionari dell’amore

CONTRIBUTO DEL MOVIMENTO PRO SANCTITATE IN PREPARAZIONE AL CONVEGNO DI FIRENZE 2015

 

Come oggi un carisma incarnato risponde alla necessità

di un Nuovo Umanesimo Cristiano?

 

USCIRE

 

Desideriamo come Movimento Pro Sanctitate offrire il nostro contributo alla riflessione sulla prima delle cinque vie, quella indicata dal verbo tanto caro a Papa Francesco: “uscire”. Nel nostro spunto virgolettiamo e evidenziamo alcune espressioni del nostro Fondatore, il Servo di Dio Guglielmo Giaquinta, che sembrano attagliarsi perfettamente a tale sottolineatura.

Il carisma specifico del nostro Movimento ci fa dire insieme al Santo Padre che i santi sull’esempio di Gesù hanno sempre preso l’iniziativa, coinvolto, accompagnato, seminato e festeggiato, sono sempre “usciti”. Mai costruttori di palazzi di idee, i santi hanno sentito che l’amore di Gesù ha una sua legge essenziale: va e cerca sempre il fratello.

leggi di più